lunedì 21 maggio 2012

Gavi, paese goloso

Gavi e' un paese goloso ed elegante come la sua gente e chi vi sosta anche solo per mezza giornata, scoprira' atmosfere inattese. Il paese ha una storia secolare d'accoglienza. Gran parte della sua economia fu nei secoli l'arte dell'ostelleria e la tradizione dell'accoglienza prosegue oggi nella golosita' dei suoi prodotti tipici: gli amaretti, inimitabili dolcetti centenari; un prelibato insaccato chiamato "testa in cassetta", il vino Cortese e i ravioli, a proposito dei quali e' necessario spendere qualche parola in piu', perche' pare che la storia dica, e storici e chiefs di altre illustri regioni non me ne vogliano, che i ravioli cosi' come ancor oggi ce li figuriamo e li mangiamo, videro la luce nella Citta' di Gavi. Siamo nel XII secolo e Gavi era passo obbligato sulla rotta commerciale fra Genova e la Padania. Fiere, incontri e scambi, vocarono la cittadina all'ospitalita' locandiera con il fiorire di bettole e ristori. Una di queste si chiamava "l'Hustaia du Ravio" ed era di proprieta' della famiglia Raviolo, che inventando, cit.: "quel guanto ripieno di borragini e scarole, uova e formaggio di capra...", dette inizio al fortunatissimo piatto che poi Genova avrebbe lanciato nel mondo dal 1200. (Notizie tratte dagli scritti di Carletto Bergaglio, fondatore e Gran Maestro dell'Ordine dei Cavalieri del Raviolo di Gavi.) Una curiosita' : pare che anche Paganini fosse un estimatore di questi prelibati ravioli.

Ma l'accoglienza sta prima di tutto nella gente.
A Gavi le tradizioni sono dure a morire e in questo caso, si direbbe per fortuna. In un epoca di appiattimento massmediatico come il nostro, a Gavi il dialetto, simile a quello genovese, e' ancora saldamente radicato anche nelle generazioni piu' giovani e comunemente parlato nelle botteghe, nei bar, per strada, suonando come una melodia priva di sboccature. La parlata, il modo conserto di gesticolare, l'accoglienza mai esagerata ne' lesinata: tutto dice di una popolazione cortese come il suo vino, socievole ma senza eccessi, sicuramente orgogliosa, anzi a volte quasi superba, per aver saputo creare e mantenere un luogo dove il bramato "buon vivere" e' di casa.

Gavi e il suo territorio sono un'esperienza sensoriale indimenticabile se li si sanno avvicinare e comprendere senza fretta e con umilta', magari mentre si sorseggia un bicchiere di Cortese con i pensieri sparsi nella brezza che arriva dal mare.

Fonte: Taccuino di un errante

Nessun commento: