venerdì 30 dicembre 2016

Santi e poeti


Bisogna essere santi
per essere anche poeti:
dal grembo caldo d’ogni nostro gesto,
d’ogni nostra parola che sia sobria,
procederà la lirica perfetta
in modo necessario ed istintivo.

Noi ci perdiamo, a volte, ed affanniamo
per i vicoli ciechi del cervello,
sbriciolati in miriadi di esseri
senza vita durevole e completa;
noi ci perdiamo, a volte, nel peccato
della disconoscenza di noi stessi.

Ma con un gesto calmo della mano,
con un guardar “volutamente” buono,
noi ci possiamo sempre ricondurre
sulla strada maestra che lasciammo,
e nulla è più fecondo e più stupendo
di questo tempo di conciliazione.


“Santi e poeti” di Alda Merini (1931-2009) è la prima poesia conosciuta della poetessa milanese. Questo inedito datato 2 dicembre 1948, pubblicato su La Repubblica nel quinto anniversario della morte nell’articolo di Vito Mancuso “Essere santa senza Dio. I primi versi di Alda Merini“, precede di 20 giorni la poesia “Il gobbo” del 22 dicembre 1948, prima pubblicazione dell’autrice a 17 anni.

Continua qui

Nessun commento: