mercoledì 25 novembre 2015

25 novembre

Lo chiami amore, ma è possesso.
La chiami gelosia, ma è controllo.
Dici che se non sono tua allora non sarò di nessun altro
dici che hai perso la testa, che l’hai fatto per noi.
Credi, dimmi, tu credi ?
Allora sai che c’è voluto un ventre di femmina
per partorire il figlio di Dio.
Non credi , dimmi, non credi, è così ?
Comunque sai che in ogni modo, serve un ventre di femmina
perchè si riproduca la specie, perché continui la vita.
Cosa uccidi , in realtà , lo sai ?
Una donna o la vita stessa ?
Una femmina sulla quale apporre il marchio della tua follia
o l’essenza stessa dell’esistere, il nome di madre ?
Mentre il tuo braccio colpisce, colpisci il cerchio vitale
restando come un cormorano nel petrolio
ad ansimare per un respiro
nella distruzione del tuo stesso mondo.
Sei figlio di una femmina, femmine sono le galassie
femmine sono le madri, anche quando non hanno seno
femmina è la terra, femmina è l’acqua della vita
femmina è la tempesta, la luce, l’aria , l’anima.
Lo chiamano femminicidio, ma è molto di più.
E’ la morte dello spirito, delle viscere di una coscienza
Perché si dimentica , Dio come si dimentica, che
l’amore non toglie la vita, l’amore la dà!


Nessun commento: