mercoledì 16 giugno 2010

Non c’è più la mezza stagione

Vi farò un discorso che vi lascerà senza fiato. Ma siccome non voglio pesi sulla coscienza, respirate ogni tanto, mentre leggete. Soffocare è bruttissimo, soprattutto per il colore che prende il viso. Oggi vanno tutti di fretta, si perde il gusto di vivere le cose con un ritmo più umano. Anche i legami tra le persone sono cambiati: una volta c’era più solidarietà, adesso invece tutti pensano al proprio orticello. Vi ricordate il negozietto sotto casa, quello dove il commerciante ti conosce, scambia due parole con te, ti fa un trattamento di favore, dà un buffetto al tuo piccolo e dal bancone gli porge un pezzetto di grana? (Io ero uno di quei piccolini, e dovevo dire “grazie” prima che mia madre o mia nonna mi invitasse a farlo. Lo dico, lo dico “grazie”; aspettavo solo che me lo desse per davvero, quel dannato pezzo di grana. Sì, ero un bambino diffidente). Bene, quel negozietto è scom-par-so. Soppiantato dalla GRANDE DISTRIBUZIONE. Quindi, i supermercati hanno ucciso il piccolo commercio.

...

Fonte

Nessun commento: