giovedì 25 agosto 2011

Una "Danza lenta" falsa ma bella

Da giorni, via email, molti stanno ricevendo un messaggio nel quale si dice di leggere e rispedire a più persone possibili una poesia scritta da un bimba, malata di tumore, in fin di vita. A far partire questa catena online sarebbe il professor Alessandro Cicognani, pediatra a Bologna.


Il messaggio è falso, la poesia non è scritta da una bambina malata di tumore e in fin di vita. Soprattutto, il professor Cicognani (che esiste) non ha mai fatto partire una simile catena di Sant'Antonio.


Non importa, non fermatela. Perché questa poesia è molto bella. E, in fondo, potrebbe essere davvero scritta da un malato, un uomo o una donna che adesso guardano forzatamente alla vita con occhi diversi.


Eccola:




Hai mai guardato i bambini in un girotondo?
O ascoltato il rumore della pioggia
quando cade a terra?
O seguito mai lo svolazzare
irregolare di una farfalla?
O osservato il sole allo
svanire della notte?
Faresti meglio a rallentare.
Non danzare così veloce.
Il tempo è breve.
La musica non durerà.
Percorri ogni giorno in volo?
Quando dici "Come stai?"
ascolti la risposta?
Quando la giornata è finita
ti stendi sul tuo letto
con centinaia di questioni successive
che ti passano per la testa?
Faresti meglio a rallentare.
Non danzare così veloce
Il tempo è breve.
La musica non durerà.
Hai mai detto a tuo figlio,
"lo faremo domani?"
senza notare nella fretta,
il suo dispiacere?
Mai perso il contatto,
con una buona amicizia
che poi finita perché
tu non avevi mai avuto tempo
di chiamare e dire "Ciao"?
Faresti meglio a rallentare.
Non danzare così veloce
Il tempo è breve.
La musica non durerà.
Quando corri cosi veloce
per giungere da qualche parte
ti perdi la metà del piacere di andarci.
Quando ti preoccupi e corri tutto
il giorno, come un regalo mai aperto . . .
gettato via.
La vita non è una corsa.
Prendila piano.
Ascolta la musica. 

Nessun commento: