mercoledì 28 marzo 2012

Groviglio

Erba dalle radici
arazzo di colori
natura d’angeli
strappate a Dio.

Dove mi meraviglio
s’adagia soave l’anima
come nube impalpabile intrisa di donna.

Verdi le siepi
si acquattano dietro un groviglio di parole
roventi in un sole nascente.


di Cresy Crescenza Caradonna 
dal suo blog

martedì 27 marzo 2012

Nel mio cuscino...

Nel mio cuscino
piume tristi a sostenermi la testa
che si lamentano della loro prigione di lino
e non mi lasciano dormire
mentre piangono più di me!


di Maria Leone

giovedì 22 marzo 2012

Se faccio una classifica...

Se faccio una classifica
prima metto il poeta
poi il sole, poi l'estate
poi il cielo di Dio
e la lista è completa.
Ma ripensando, il primo
comprende tutto, tanto
che il resto sembra solo
un'inutile mostra
scrivo poeta, e basta.
Per lui è sempre estate
può permettersi un sole
che all'Oriente parrebbe
veramente eccessivo.
E se il cielo ulteriore
è altrettanto bello
di quello che prepara
ai suoi adoratori
è grazia troppo ardua
per meritare il sogno.


Emily Dickinson

martedì 20 marzo 2012

Di te ricordo...

Di te ricordo le espressioni del volto
le parole, i sorrisi,

il tuo modo di salutarmi al telefono

di te ricordo com'eri delicata

e gentile nel parlare.


Timida...forse era questo

che eri, per lo più.


Mi raccontavi di come la vita

ti aveva già messa alla prova

e cercavi così di attutuire

i colpi della mia.


Dicevi che si risolve sempre tutto

E io ti avevo creduto.


Entravi nel mondo in punta di piedi

e così sei uscita allo stesso modo.


Troppe volte abbiamo rimandato

uscite e momenti per stare insieme

perchè pensavamo di avere infiniti anni

e possibilità. Invece non era così.


Non una parola per salutarci l'ultima volta che ci siamo incontrate,

solo un abbraccio. 


di 

lunedì 19 marzo 2012

Mio padre era un gatto


A mio padre piacevano i gatti. Ai gatti piaceva mio padre. Credo che fossero caratterialmente compatibili, anzi credo che anche lui fosse un gatto o lo fosse stato in una vita precedente. Certo è che molti tratti caratteristici di questi felini si addicevano a lui. Il fisico innanzi tutto. Alto, elegante, vanitoso. Mio padre non era mai in disordine. Nemmeno quando andava nella vigna e si metteva l'abito da contadino con lo spago al posto della cintura, riusciva a sembrare trascurato. Innata classe, si ha o non si ha.
La camminata era flessuosa e il passo più che una falcata era un salto leggero, mai affaticato.
I baffetti sotto al naso li curava minuziosamente, li lisciava con cura ogni giorno, li ispessiva con una matita se trovava qualche penuria.
Davanti allo specchio si guardava le guance e le schiaffeggiava se erano pallide, poi si spalmava la brillantina sui capelli folti e scuri.
Ovunque, dove andava, aveva la sua squadra di felini ai quali portava cibo e coccole. Li chiamava:-Minuuu, Minuu. E loro arrivavano di corsa al suono della sua voce, gli si strusciavano contro le gambe, lo guardavano con occhi amorevoli.
Lui non chiedeva nulla ai suoi gatti, gli bastava quello strusciamento quotidiano, quel sordo brontolio che gli dedicavano, poi li lasciava andare. Liberi. Capiva la loro autonomia, la sentiva sua. Ve l'ho detto. Mio padre era un gatto.
 
 

domenica 18 marzo 2012

Sprazzi di rosa













Anteprima
di primavera
stamane ...
Sui campi
distesi
in fiori
di campo
dai mille colori.
Sfumature rosa
a comporre
rami di pesco
penzolanti.
Aggraziato
il contrasto
del rosa tenue
sull'azzurro del cielo.
Intravisto
in lontananza.
Mi rimembra ....
gentili tocchi
femminili.
Nel tastare
la vita
con mani raffinate.
Nell'amare
in coccole
e carezze.
Pioggia
di marzo ...
di soli petali
e non più d'acqua.
Sul prato verde.
Sul suolo ...
Sulla strada
che conduce
verso casa.
Sul cuore
nell'arrivederci
al lunghissimo
bianco inverno.
Un'incredibile
giornata tutta rosea.
Colore intrinseco dei miei geni
globuli .... e cellule.
Rosata fin dentro
l'anima e i pensieri.


di Sara Secreti
(Copyright tutti i diritti riservati ©)


Petali d'anima 
(una pagina tutta dedicata a chi ama il profumo ... l'essenza della poesia.Tra lo sbocciare e lo sfiorire di petali ad ogni cambio di stagione)

giovedì 15 marzo 2012

Fragilità

V'è qualcosa di fragile
al mondo
e quel qualcosa è l'Amore.

Basta una parola
per farlo nascere
e un silenzio per lasciarlo morire.

V'è però,qualcosa
ancor più fragile
dell'amore.....
e' l'unione di due cuori,
che seppur fra loro
intrecciati in armonia
dal sentimento,
basta l'amor proprio
a spezzar la dolce intesa.

Ma v'è qualcos'altro
di più fragile,dell'Amore e
dell'unione....
E' la felicità ,
che vivono gli amanti,
che fior di cristallo
diviene,
se col passar
del tempo ,si dimentica
all'altro d'offrirla,

se una delle due anime
più non comprende
che il vero bene
è solo quello dell'altra anima.




di Loretta Citarei Rosa Blu

martedì 13 marzo 2012

Se potessi offrirti...

 
 
 
Se potessi offrirti, stamane,
il regalo più prezioso
sarebbe un tempo,
senza inizio e senza fine
una vita colma di buona salute
e di quella pace e gioia interiore
che possono provenire solamente dallo spirito.

Sarebbe purezza nei tuoi pensieri e nelle tue parole

affinchè nulla ti possa avvicinare
che non sia bellezza.

Sarebbe un sonno profondo

e un sospiro di dolce serenità,
sarebbe comprensione dell'abisso
che c'è
tra il materiale e lo spirituale
cosicchè rabbia e frustrazione
si dissolverebbero
in un caldo rifugio d'Amore
e tu saresti per sempre
il più fedele degli amici ...
non per me, ma per te stesso.

Tutti i frutti della vita

germogliano nel cuore
così, questo mio dono,
è dal mio cuore al tuo.


Hinmaton Yalaktit - Capo Giuseppe condottiero della tribù dei Nasi Forati

lunedì 12 marzo 2012

Amore mio...

Amore mio…
In un mattino umido dal buono odore dei tuoi respiri
Il miracolo consuma il vino dei miei dispiaceri
Così tutti i sogni spenti si sono svegliati dall’oblio
Infiammando la memoria dello spirito
Con il desiderio ardente che è tuo
Dall’eterna scintilla d’amore!
Io oltrepasso le vie segrete del paradiso
Seminando perline luminose
Nei giardini delle parole sparite
Nutrendo il mio amore
Per te e per la nostra storia


L’eterna scintilla d’amore di Munir Mezyed

Pensieri per la poesia da tutto il mondo

venerdì 9 marzo 2012

Ho paura...

 
 
Ho paura di raccontare
quanto t'amo...
ho paura che il mio cuore
ascoltato il mio racconto
si spaventi della follia dell'amore
e si spezzi per la felicità
ed il tormento.
 
 
 

giovedì 8 marzo 2012

E Dio mi fece donna...















E Dio mi fece donna,
con lunghi capelli,
gli occhi, il naso
e la bocca da donna
Con rotondità e peli
e dolci cavità,
mi scavò dall'interno
e fece di me
lo studio degli esseri umani.
Lui tesse delicatamente i miei nervi,
Equilibrò con cura
il numero dei miei ormoni,
Compose il mio sangue
e me l'iniettò
perché irrigasse
tutto il mio corpo.
Così nacquero le idee,
i sogni e l'istinto.
Creò il tutto
con grandi colpi di fiato
scolpendo con amore
le mille e una cosa
che mi fanno donna ogni giorno e
per le quali con orgoglio
mi alzo ogni mattina
e benedico il mio sesso.


Gioconda Belli, poetessa nicaraguense

lunedì 5 marzo 2012

La musa piangente



















Lascia la tua penna poeta
i tuoi versi semini per il vento e per gli uccelli
scrivi un'ultima frase
le tue parole nascondi nel giardino del tuo cuore.

Deponi la tua penna poeta
le tue visioni regala ai volatili dalle piume ingorde
aguzza i tuoi occhi
e osserva il fasto della processione del futile.

Chiudi il quaderno poeta
i tuoi fogli seppellisci nella terra del tuo cuore
regala i tuoi poemi
fragili ossa in pasto agli uccelli sciamanti.

Componi un ultimo incanto poeta
il messaggio per la tua musa piangente
lascia la tua penna poeta
i tuoi versi spargi al vento che ha i denti del vuoto.

domenica 4 marzo 2012

Poesia del giorno e della notte















Catturando
la notte ....
Far luce
tra i pensieri
nomadi.
Fiammate
di luna
e stelle
incandescenti.
A schiarire
l'unico
tragitto.
La strada dell'amore.
Camminerò
sulle tue orme
cancellate
da spuma
di mare.
Mi guiderà
sempre
quel cuore
prigioniero.
Punterà
con lo sguardo
in lontananza.
la strada
... per raggiungerti


di Sara Secreti
(Copyright tutti i diritti riservati ©)


Petali d'anima

 

giovedì 1 marzo 2012

Realtà in un sogno

Tu sei dei miei sogni il centro
e a te ho dedicato i pensieri miei del cuore,
intrecciate le voci dell’anima
con i sospiri di questo desiderio
mi vedo accanto a te
felice, stringendoti le mani
così come quando
siamo realmente insieme.
Sei aria limpida e linfa
di vita da amare, respirare e sognare.
Mi abbandono all’incanto
della magia d’amore
per sentirti vicino
anche quando lontani
attendiamo
di specchiarci l’un l’altro dentro gli occhi
tendendo verso il ciel le nostre mani. 


Rosabianca

Dal blog Petali di rosa